BONUS PUBBLICITA’ 2021

BONUS PUBBLICITA’ 2021

Investimenti in stampa cartacea o digitale, per testate registrate presso il competente Tribunale o il ROC, (Registro Operatori di Comunicazione) con un direttore responsabile. Limitatamente al 2021-2022 sono ammessi anche gli investimenti sulle emittenti radio-televisive nazionali non partecipate dallo Stato

Un’importante opportunità per i tuoi affari e per al tua azienda

Cos’è:

Si tratta di un’agevolazione fiscale sotto forma di credito d’imposta pari al 50% degli investimenti effettuati o da effettuare nel 2021

A chi si rivolge:

La comunicazione per l’accesso al credito d’imposta può essere presentata da imprese, lavoratori autonomi ed enti
non commerciali, oggi anche senza il vecchio requisito della spesa incrementale

Cosa prevede:

Investimenti in stampa cartacea o digitale, per testate registrate presso il competente Tribunale o il ROC, (Registro Operatori di Comunicazione) con un direttore responsabile. Limitatamente al 2021-2022 sono ammessi anche gli investimenti sulle emittenti radio-televisive nazionali non partecipate dallo Stato. Sono escluse le spese nell’ambito della programmazione o dei palinsesti, quelle relative a giochi o scommesse con vincite in denaro, messaggeria vocale o chat-line, le spese accessorie e di intermediazione.
Ai fini dell’accesso all’agevolazione fiscale non deve essere rispettato il presupposto dell’incremento minimo dell’1% dell’investimento pubblicitario, rispetto all’investimento 2020

Come si richiede:

Per accedere al bonus pubblicità è necessario inviare la domanda tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Per il solo anno 2021, la “comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” è presentata nel periodo compreso tra il 1° ed il 31 ottobre 2021.


Procedura di ammissione:

In esito alla presentazione delle “Comunicazioni per l’accesso al credito d’imposta”, il Dipartimento per l’informazione e l’editore forma un primo elenco dei soggetti che hanno richiesto il credito dell’imposta con l’indicazione del credito teoricamente fruibile da ciascun soggetto.
Successivamente, agli investimenti effettuati e dimostrati attraverso la presentazione delle “Dichiarazioni sostitutive relative agli investimenti effettuati”, sarà pubblicato sul sito del Dipartimento l’elenco dei soggetti ammessi alla fruizione del credito di imposta.

Utilizzo del credito:

Il credito di imposta è utilizzabile unicamente in compensazione, ai sensi dell’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 , presentando il modello di pagamento F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (a partire da quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dell’elenco dei soggetti ammessi). Ai fini della fruizione del credito è necessario indicare, in sede di compilazione del modello F24, il codice tributo 6900, istituito dall’Agenzia delle Entrate con Risoluzione n. 41/E del 8 aprile 2019 .

Dato il tempo estremamente breve della finestra che è stata aperta, chiunque fosse interessato alla presentazione della domanda dovrà contattare, tramite e-mail o telefonicamente, ENTRO E NON OLTRE IL 15/10/2021 la Direzione Nazionale C.E.P.I. di Roma, divisione finanza agevolata o direttamente il responsabile Marco Pugliese 392 916 7214 m.pugliese@cepionline

QUI puoi scaricare la scheda in PDF

CEPI
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Lascia un Commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.

Ultime Notizie

Top Autori

Più Commentati

Video in Evidenza